Salta la barra di navigazione [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Scrivimi una mail [4]

Usare Windows 10 a scuola

Sommario - Novità - Tutorial - Taccuino - Progetti - Risorse - Non solo elettronica

Questa pagina raccoglie in ordine sparso la soluzione ad alcuni problemi che ho incontrato nella configurazione di MS Windows 10 nella mia scuola. Il riferimento è alla versione 1903 Educational, ma penso che molte idee possano essere usate per qualunque versione di Windows 10.

Configurare il proxy per navigare

Configurare il proxy con PowerShell

Configurare il proxy per scaricare gli aggiornamenti

Disattivare Cortana

Attivazione di Windows 10 educational

Accedere a Windows con le credenziali Office365

Rendere il disco non modificabile

Configurare il proxy per navigare

Se l'accesso ad internet è protetto da un proxy server, occorre configurare i programmi che devono accedere ad internet per utilizzarlo, in particolare i browser http (per esempio Firefox, Chrome, Edge). Ecco come farlo, operazione che deve essere eseguita da ciascun utente, una sola volta:

Ricercare nella barra di ricerca proxy e quindi cliccare su Modifica le impostazioni del proxy

Configurare il proxy in Windows 10

Nella sezione Configurazione manuale del proxy, attivare l'uso del server proxy, specificare l'indirizzo o il nome e la porta ed infine spuntare la voce relativa ad intranet (nota 2). Nell'esempio seguente l'indirizzo del proxy server è specificato in forma numerica come 172.16.0.100, ma spesso è una stringa (nella mia scuola semplicemente proxy). La porta è sempre numerica, spesso 3128 oppure 8080.

Configurare il proxy in Windows 10

[Opzionale] Specificare gli indirizzi per cui NON utilizzare il proxy. Per esempio: 172.16.*; *.intranet.

Cliccare su Salva e chiudere la finestra. Questa impostazione vale per il singolo utente e per tutti i programmi che sono in grado di utilizzare tale protocollo (tipicamente tutti i browser).

Configurare il proxy con PowerShell

Lo stesso risultato sopra descritto può essere raggiunto in modo più rapido con PowerShell. Basta aprire PowerShell e digitare tre comandi (un singolo copia & incolla!):

Avviare PowerShell come utente normale

Set-ItemProperty -Path 'HKCU:\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Internet Settings' -name ProxyEnable -Value 1

Set-ItemProperty -Path 'HKCU:\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Internet Settings' -name ProxyServer -Value "172.16.0.100:3128"

Set-ItemProperty -Path 'HKCU:\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Internet Settings' -name ProxyOverride -Value "172.16.*;*.intranet;<local>"

Per verificare:

Get-ItemProperty -Path 'HKCU:\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Internet Settings' | Select-Object ProxyServer, ProxyEnable, proxyOverride

ProxyServer ProxyEnable ProxyOverride
----------- ----------- -------------
172.16.0.100:3128 1 172.16.*;*.intranet;<local>

Attivare il proxy con PowerShell

Configurare il proxy per scaricare gli aggiornamenti

Tutti i sistemi operativi richiedono l'applicazione continua degli aggiornamenti di sicurezza, anche per poter tentare di rispettare il regolamento UE 2016/679 (GDPR). Se l'accesso ad internet è protetto da un proxy server, occorre configurare Windows per utilizzarlo anche per scaricare automaticamente gli aggiornamenti di sistema (nota 1). Per fare ciò è possibile usare il linguaggio di scripting di rete netsh.

Preliminarmente occorre verificare che l'utente che eseguirà i comandi abbia configurato il browser per usare il proxy server e che sia amministratore della macchina.

Eseguire netsh come amministratore (cercare netsh nella barra di ricerca, quindi tasto destro, ed Esegui come amministratore)

Eseguire netsh come amministratore

Rispondere SI alla domanda "Vuoi consentire modifiche al sistema?"

Digitare winhttp (Più sotto l'intera sequenza di comandi, così come mostrata a video)

Digitare import proxy source=ie (la risposta dipende dalla configurazione del proxy fatta dall'utente)

Digitare quit

Importare la configurazione del proxy

Il tutto va rifatto ad ogni cambiamento nella configurazione del proxy server.

Disattivare Cortana

Una delle cose a mio parere più fastidiose di Windows 10 è quel ficcanaso di Cortana che occupa un sacco di banda e CPU, rallenta il sistema e risponde in modo semi-casuale alle domande... Per disattivarlo:

Eseguire come amministratore PowerShell (cercare powershell nella barra di ricerca, quindi tasto destro, ed Esegui come amministratore)

Eseguire Powershell come amministratore

Rispondere SI alla domanda "Vuoi consentire modifiche al sistema?"

Eseguire i due comandi seguenti:

New-Item -Path 'HKLM:\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\' -Name 'Windows Search'
New-ItemProperty -Path 'HKLM:\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\Windows Search' -Name 'AllowCortana' -PropertyType DWORD -Value '0'

Riavviare

Attivazione

Prima di poter usare legalmente Windows 10 è necessario passare per un rito propiziatorio chiamato Attivazione. Per Windows 10 educational sembra non funzionare la procedura grafica, ma occorre agire con la linea di comando, peraltro più comoda e veloce.

Eseguire come amministratore PowerShell (cercare powershell nella barra di ricerca, quindi tasto destro, ed Esegui come amministratore)

Eseguire Powershell come amministratore

Rispondere SI alla domanda "Vuoi consentire modifiche al sistema?"

Digitare il seguente comando, dove le X corrispondono al codice acquistato da Microsoft:
slmgr.vbs /ipk XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX

A volte l'attivazione richiede un po' di tempo ed la frase "Installazione codice Product Key XXXXX completata" non implica la conclusione positiva della proceduta, ma solo l'inizio. Per avere conferma occorre digitare il seguente comando, fino a quando è mostrata la conferma dell'attivazione definitiva:
slmgr.vbs -XPR

Note

  1. Purtroppo non tutti gli applicativi possono essere aggiornati in questo modo in quanto non esiste qualcosa di simile per esempio all'Advanced Package Tool di Debian. Esempi sono i browser Chrome e Firefox, che possiedono strumenti di aggiornamento specifici e automatici (per fortuna...)
  2. La documentazione ufficiale Microsoft afferma che per intranet si intende il localhost, specificando che si tratta di una feature (e non di quello che a me sembra: un bug nella traduzione)

 

Data di creazione di questa pagina: settembre 2019
Ultima modifica di questa pagina: 13 settembre 2019


EN - Pagina principale - Sommario - Accessibilità - Note legali e privacy policy - Posta elettronica

XHTML 1.0 Strict - CSS 3