Salta la barra di navigazione [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Scrivimi una mail [4]

L'assemblatore

Assembly PIC18 - PIC18 in C - Sommario - Novità - Tutorial - Progetti - Risorse - Non solo elettronica

Alcune finestre tipiche di MPLABX

In questa pagina e nelle successive verrà mostrato come rendere (un poco) più semplice la lettura e la scrittura del codice in assembly. Per fare ciò utilizzeremo istruzioni e parole chiave dell'assemblatore MPASM, il programma che effettivamente useremo per scrivere il codice.

Un po' di nomenclatura

Il termine linguaggio macchina (Opcode) si riferisce alle istruzione binarie che un microprocessore/microcontrollore può eseguire. Queste istruzioni sono descritte nei fogli tecnici dell'hardware effettivamente utilizzato, per esempio nel PIC18F2xK20 Data Sheet.

Il termine assembly si riferisce al codice mnemonico (human readable) che corrisponde direttamente al codice macchina. Queste istruzioni sono descritte nei fogli tecnici dell'hardware effettivamente utilizzato, per esempio nel PIC18F2xK20 Data Sheet.

Il termine assembler (assemblatore) si riferisce al programma, descritto in questa pagina, che traduce l'assembly in istruzioni macchina. Per estensione il termine si riferisce anche all'insieme delle direttive che permettono di controllare e guidare il processo di traduzione. Una direttiva non corrisponde ad alcuna istruzione macchina. Le direttive sono descritte nel documento MPASM™ Assembler User’s Guide fornito con MPLABX o disponibile sul sito Microchip.

Alcune direttive le abbiamo già viste:

L'insieme di codici mnemonici e direttive che costituiscono il programma scritto dal programmatore viene spesso indicato come codice sorgente.

Le direttive dell'assemblatore

Il manuale dell'assemblatore MPASM è installato insieme a MPLAB e ad esso si rimanda per una discussione approfondita delle tante direttive. Qui è riportata una breve descrizione di quelle di uso più frequente

Le label

Una label (etichetta) è usata per identificare con un nome significativo una particolare cella di memoria contenente dati oppure istruzioni. L'uso di label evita di dover utilizzare indirizzi numerici, difficili da calcolare, impossibili da ricordare e frequente causa di errori o difficoltà di interpretazione.

Una label è una stringa alfanumerica scelta dal programmatore e scritta a partire dalla prima colonna del codice sorgente.

Qualche esempio di uso delle label:

  CODE 0
  movlw 0x55
ripeti
  addlw 0x01
  bnz ripeti
  sleep
  END

Label

Commenti

Tutto ciò che segue un ; è ignorato dall'assemblatore e serve esclusivamente agli umani per comprendere il codice. Se un codice è privo commenti non può essere ritenuto un codice "adeguato" in quanto rende complicato, se non impossibile, il suo uso, la sua comprensione, l'individuazione degli errori...

Un caso particolare è costituito da tutto quanto segue la direttiva END, semplicemente ignorato dall'assemblatore.

Codice con commenti

Base numerica

Ovviamente il codice all'interno del microcontrollore è esclusivamente in binario.

Al solo uso degli umani, durante lo sviluppo o l'analisi del codice, potrebbe essere più comodo vedere o scrivere le variabili interne in decimale oppure esadecimale attraverso le direttive RADIX DEC oppure RADIX HEX (predefinita) oppure RADIX BIN.

In genere è meglio specificare esplicitamente la base ogni volta, soprattutto se diversa da 10. Per fare ciò è per esempio possibile scrivere:

Tutte queste cinque forme sono esattamente equivalenti.

Tutte le lettere utilizzate nella rappresentazione di numeri possono indifferentemente essere maiuscole o minuscole, ma è bene scegliere un proprio stile.

Nomi dei registri

A volte è utile includere alcuni parti di codice all'interno di un file. Uno dei modi è quello di scrivere questi blocchi all'interno di un file di testo (in genere con estensione .inc) da includere nel file sorgente con la direttiva #include.

Per esempio i nomi dei registri non sono conosciuti dall'assemblatore, ma disponibili in un file separato, che dipende dal modello specifico di PIC in uso. Per includere tale file:

#include "p18f26k20.inc"

 

Data di creazione di questa pagina: giugno 2017
Ultima modifica: 17 giugno 2017


Assembly PIC18

Inoltre potrebbe essere utile la pagina: PIC18 - Suggerimenti, in ordine sparso

Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale


EN - Pagina principale - Sommario - Accessibilità - Note legali e privacy policy - Posta elettronica

XHTML 1.0 Strict - CSS 3